Bidet sempre al top, consigli su pulizia e manutenzione

Il bidet è un must have nelle case di tutti gli italiani, mentre in terra straniera è praticamente un sanitario sconosciuto e bistrattato.

Il bidet è un must have nelle case di tutti gli italiani, mentre in terra straniera è praticamente un sanitario sconosciuto e bistrattato.

Ma chi ha inventato il bidet? Ebbene sì la patria del bidet è un paese estero, la Francia. Nel 1700 nasce come sanitario da tenere insieme sotto al letto insieme al vaso da notte e con il tempo si è trasformato in un vero e proprio sanitario di cui è difficile farne a meno.

Il bidet quindi è di estrema importanza nelle nostre case ed è quindi fondamentale che venga tenuto nel miglior modo onde evitare spiacevoli inconvenienti.

Come sturare il bidet otturato?

I principali colpevoli dell’otturazione del bidet sono capelli, peli e residui di saponi che utilizziamo per l’igiene intima; oppure nei casi più gravi un gioco di un bambino o un oggetto malauguratamente caduto nello scarico possono comprometter la corretta discesa dell’acqua lungo i tubi.

Per iniziare si può provare la operazione con un semplice stura lavandino a ventosa, eliminando per prima cosa l’acqua stagnante nel bidet ed otturando il foro detto troppo pieno con uno straccio. Facendo pressione con lo stura lavandini in corrispondenza dello scarico l’oggetto dovrebbe essere risucchiato e risalire verso l’alto. Nel caso in cui l’intasamento sia dovuto semplicemente a residui di sapone, sporco accumulato e peli si possono tranquillamente utilizzare rimedi naturali utili a liberare l’ingorgo e riottenere una discesa fluida dell’acqua giù per lo scarico. Un esempio è versare una pentola d’acqua di tre litri bollente mischiata con metà bicchiere di bicarbonato; oppure un’altra miscela efficace può essere quella composta da bicarbonato nella quantità di mezzo bicchiere, una tazza di aceto e una tazza di acqua bollente, volendo potete sostituire l’aceto con il sale fino oppure con l’acido citrico tenendo un rapporto mezzo e mezzo. Se per esempio usate mezzo bicchiere di sale utilizzerete mezzo bicchiere di bicarbonato, stesso discorso vale se utilizzate l’acido citrico.

Come smontare il rubinetto del bidet?

 

Anche la rubinetteria del bidet può andare incontro a problemi, dalla guarnizione da cambiare fino alla sostituzione vera e propria del rubinetto. Il primo step nel caso notate che ci siano perdite di acqua è controllare la guarnizione nel caso sia da cambiare, per prima cosa chiudete la valvola generale dell’acqua, svitate il rubinetto e estraete i flessibili di immissione dell’acqua. Dopo di questo con una chiave esagonale, oppure controllate quale sia la più idonea per il vostro modello di rubinetto, svitate il dado bloccante del rubinetto e una volta tolta la rondella potete controllare la guarnizione e sostituirla nel caso ce ne sia bisogno. A volte invece sfortunatamente non basta sostituire la guarnizione ma smontare direttamente purtroppo il rubinetto ed acquistarne un altro.

Se invece dovete proprio smontare il bidet per prima cosa bisogna smontare l’attacco dei flessibili e staccare smontandolo l’attacco con il sifone.

Avete mai avuto problemi con il bidet di casa vostra? Come avete risolto? Avete altri rimedi da consigliarci anche green per eliminare gli ingorghi?

 

 


Scelti per te


Commenti

Lascia il tuo commento