Come verniciare i termosifoni

Termosifoni vecchi, arrugginiti, ingialliti con lo smalto che comincia a staccarsi? Sicuramente poco belli da vedere ma sono ancora un sistema di riscaldamento efficiente e pienamente funzionante.

Quando arriva il freddo, sia esso di ghisa o alluminio, ci aiuta a mantenere calda la casa e creare un ambiente confortevole in ogni stanza. Come fare per ridare un bell'aspetto ai termosifoni? Bisogna procedere con la loro verniciatura.

In molti casi, soprattutto quando in casa si hanno termosifoni in ghisa, acquistare nuovi termosifoni non è la scelta consigliata. I termosifoni in ghisa sono i più efficienti: riscaldano di più gli ambienti e inoltre hanno un grande valore economico, possiamo tranquillamente dire che sono molto costosi rispetto a quelli in alluminio e se si hanno in casa la scelta più sensata è non toglierli. 

Vediamo quindi come procedere alla verniciatura di termosifoni in ghisa o alluminio. 

Come dipingere il termosifone?

Per la verniciatura del termosifone, sia esso in ghisa o alluminio, va usata una pittura apposita che si trova facilmente in commercio. Dopo di che si può scegliere di usare un pennello standard, un rullo o anche una pistola specifica per la verniciatura.

Strumenti per la verniciatura:

  • Pittura specifica per termosifoni

  • Pennello/rullo/pistola con compressore 

  • Chiave a pappagallo

  • Cacciavite piatto

  • un secchio o bacinelle

  • Mascherina antipolvere

  • teli di plastica

Passaggi per la verniciare il calorifero

Dipingere un termosifone è molto più semplice di quello che potrebbe sembrare, la cosa importante è seguire dei passaggi specifici:

  1. La prima cosa fare è smontare il calorifero dal muro con l’aiuto di una chiave a pappagallo e di un cacciavite, avendo cura di non rovinare la valvola termostatizzabile, il  secchio ci serve ad evitare che, una volta staccato dal muro, l’acqua presente nel sistema di riscaldamento cada a terra. 

  1. Poi dopo aver sistemato il termosifone su un telo, procedere con la sua pulizia accurata e rimuovere tutta la pittura presente in precedenza. Per scoprire tutti i modi per pulire in modo efficiente il termosifone di qualsiasi materiale clicca qui.

  2. Dopo averlo pulito adeguatamente si può procedere con la pittura usando quello che preferiamo tra rullo, pennello e pistola. Dopo averlo verniciato lasciamo ad asciugare prima di rimontarlo. 

Verniciare termosifone in ghisa o alluminio

Verniciare termosifoni con la vernice a spruzzo

Sicuramente la soluzione più facile, veloce e pratica è riverniciare il termosifone con bombolette spray o pistole collegate a un compressore portatile che spruzza la vernice, in questo caso per un buon lavoro è importante sostituire il beccuccio di uscita standard delle bombolette o delle pistole con uno apposito per pitturare i termosifoni. Questo tipo di verniciatura può essere applicata sia ai caloriferi in ghisa che in alluminio.

In questo caso è fondamentale dopo aver smontato il termosifone, averlo pulito e adagiato a terra, avendo cura di proteggere il pavimento con giornali o un telo il pavimento, procedere anche con la protezione di tutto quello che c’è intorno. Infatti, se bene questa operazione sia più veloce e restituisce ottimi risultati ha il difetto di sporcare tantissimo. Se state pensando di procedere con questo tipo di verniciatura in un appartamento già arredato è consigliabile proteggere e tappezzare con teli di plastica gli oggetti nelle immediate vicinanze della postazione di lavoro. Questo perchè anche se il getto sarà direzionato esclusivamente verso il termosifone un piccolo spostamento o distrazione potrebbe far sporcare di pittura altri elementi nella stanza. Inoltre, soprattutto usando una pistola con compressore è importante munirsi di una mascherina filtrante o antipolvere in modo da proteggere le vie respiratorie. 

Sabbiatura per i termosifoni in ghisa

Per quanto riguarda la verniciatura dei termosifoni in ghisa avrai sentito parlare di sabbiatura. Il trattamento di sabbiatura consiste nell’ asportare dal supporto vecchi strati di vernice e ossidazione, riportando la ghisa al suo stato naturale. Permettendo così una migliore efficacia dei trattamenti di verniciature successivi, garantendo quindi una lunga durata nel tempo.

 Un processo molto specifico che sicuramente vi garantisce un ottimo risultato: il vostro calorifero in ghisa sembrerà nuova. Ma c’è anche da dire che si tratta di un lavoro costoso e per poter sabbiare tutti termosifoni di casa la spesa è davvero importante, parlando di prezzi, il costo del trattamento potrebbe aggirarsi intorno ai mille euro. Ovvio che dipende da quanti elementi voglia sottoporre al trattamento, il consiglio è sempre quello di rivolgersi ad un esperto e richiedere un preventivo specifico. 


Scelti per te


Commenti

Lascia il tuo commento